Via Ugo Foscolo, 15/4 - 16121 Genova
PEC: teo.delfini@pec.it
info@delfinilex.it
teodelfini@libero.it delfini@delfinilex.it        

Blog

La Corte di Cassazione fa ulteriore chiarezza sull’applicazione dell’art. 2051 c.c. in relazione a sinistri su strada pubblica: le responsabilità dell’Ente proprietario

In questa sentenza della Terza Sezione della Cassazione, pubblicata il 26 maggio scorso, la Corte illustra sinteticamente come opera la responsabilità da cosa in custodia in riferimento ai danni derivanti da ingombri o avarie nella sede viabile. cassazione-civile-9674-2020

Come (non) redigere il ricorso per cassazione

Con questa sentenza pubblicata il 28 maggio, la Suprema Corte rammenta i criteri minimi di ammissibilità del ricorso per cassazione. A fronte del (giustificato) rigido formalismo che il Giudici di legittimità sono andati sempre più adottando, è opportuno che gli avvocati – in bilico tra esigenze di completezza dell’atto (autosufficienza) e semplificazione – si attengano…
Leggi tutto

Della validità del patto fiduciario verbale (ma con riferimento a diritti su beni immobili)

Con una importante pronuncia dello scorso marzo (il cui testo si allega), le Sezioni Unite della Cassazione sono intervenute a risolvere un contrasto di orientamenti (e di fatto sovvertendo quello dominante) circa la natura del patto fiduciario con particolari riflessi sulla forma dello stesso. La vicenda. In estrema sintesi: Tizio acquista, con denaro fornitogli da…
Leggi tutto

Profili di costituzionalità nella decretazione d’urgenza

Nella facilmente prevedibile attualità dell’argomento, in riferimento alla recente produzione normativa emergenziale connessa alla pandemia del COVID-19, pubblichiamo questo lavoro del 2017 del Servizio Studi della Corte Costituzionale, che fornisce un utile, schematico ma approfondito, excursus della giurisprudenza della Consulta sui vari e molteplici temi attinenti alla legittimità dei provvedimenti emanati dal Governo ai sensi…
Leggi tutto

Un’applicazione dell’art. 2744 c.c. (violazione del divieto di patto commissorio)

Si tratta di una sentenza del Tribunale di Genova (confermata in appello e in Cassazione), con cui veniva accertata la violazione del divieto in oggetto in relazione alla compravendita di un immobile. Nella fattispecie, un soggetto – versando in situazioni di difficoltà finanziarie – si rivolgeva ad un amico perché acquistasse un immobile di cui…
Leggi tutto

De iure condendo (o contento): una proposta di modifica del codice di procedura civile

Ovvero sul tema: il principio di oralità che permea (già adesso più nella teoria che nella pratica) il rito ordinario civile non meriterebbe una riconsiderazione? Nella pratica forense, gli operatori del settore quotidianamente si imbattono in udienze di scarsissima utilità, che facilmente potrebbero essere sostituite da una trattazione scritta. Ci riferiamo in particolare a quelle…
Leggi tutto

La mancanza del certificato di abitabilità di un immobile (purché sussistano le condizioni igienico-sanitarie di legge per il rilascio) non comporta responsabilità penale per truffa in capo al venditore che trattiene la caparra

https://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubbliIntascano la caparra per vendita di un alloggio imprenditori assolti perché ‘in buona fede’ – la Repubblicaca/2009/05/08/intascano-la-caparra-per-vendita-di-un.html

Un’applicazione dell’art. 1901 c.c. (in tema di garanzie accessorie nella polizza di assicurazione per la R.C.A.)

Questa interessante sentenza del Giudice di Pace di Genova del marzo 2020 fa chiarezza sulle conseguenze della pratica adottata da talune Compagnie di assicurazione, vietata dalla Legge (art. 170-bis C.d.A.P.), di rinnovare tacitamente le polizze di R.C. Auto. In sostanza, contrariamente a quanto obiettato dall’Assicuratrice convenuta, il periodo di comporto previsto dall’art. 1901 c.c. (che…
Leggi tutto

Un’applicazione dell’art. 1304 c.c.

Ovvero, quando di una transazione tra altre parti di un giudizio è possibile profittare sebbene in quell’accordo fosse contenuta una clausola con cui si prevedeva espressamente la volontà delle contraenti di proseguire la causa nei confronti degli altri condebitori solidali convenuti. https://www.giurisprudenzadelleimprese.it/wordpress/wp-content/uploads/2013/12/20131114_53043-20091.pdf citterio (sentenza-tribunale-milano 20131114_53043-20091)