Via Ugo Foscolo, 15/4 - 16121 Genova
PEC: teo.delfini@pec.it
info@delfinilex.it
teodelfini@libero.it delfini@delfinilex.it        

Tag: civile

L’invalidità delle delibere assembleari del condominio. Nuovo decalogo delle Sezioni Unite della Cassazione.

In questa recente sentenza delle Sezione Unite (cassazione-civile-SSUU-2021-9839) viene ancora una volta affrontato il problema di quale invalidità affligga, a seconda dei vizi di forma o contenuto, le delibere dell’assemblea condominiale: nullità o annullabilità? Le conseguenze sono ovviamente diverse, riflettendosi (non solo sul termine perentorio per l’impugnazione, applicabile solo alle decisioni annullabili, ma anche) sulla…
Leggi tutto

La C.T.U. che incada in ultrapetizione è affetta da nullità radicale e insanabile?

Oppure dà origine ad una invalidità relativa suscettibile di sanatoria (anche per acquiescenza prestata dalle parti)? Questo, in sostanza, il quesito che la Prima Sezione della Cassazione (cassazione-civile-I-2021-9811) rivolge alle Sezioni Unite, che dovranno quindi esprimersi sul punto. La soluzione avrà conseguenze dirette in tutti quei casi (non sporadici) in cui il C.T.U. estenda le…
Leggi tutto

Sui presupposti della segnalazione in “Centrale Rischi” da parte delle banche

Questa ordinanza, appena pubblicata, della Terza Sezione della Cassazione (cassazione-civile-III-ord-2021-3130) rammenta fonti normative e presupposti per la segnalazione alla c.d. “Centrale Rischi”, da parte delle banche, dei clienti cattivi pagatori. In particolare, è bene evidenziare che non può bastare a legittimare quella segnalazione il mero inadempimento, tanto meno se dipendente da contestazioni (non manifestamente infondate)…
Leggi tutto

Per il recupero di refurtiva: azione di rivendica o di restituzione?

La domanda di restituzione di un bene già oggetto di furto, avanzata nei confronti di chi si trova nell’attuale possesso, integra un’azione (reale) di rivendica e non di restituzione (obbligatoria). Con tutte le conseguenze derivanti in punto onere e consistenza della prova. Questo è quanto stabilisce la Seconda Sezione della Cassazione nella sentenza allegata (cassazione-II-2612-2021).

Il diritto reale di uso esclusivo di bene comune non esiste (più)

Con questa importante pronuncia del 17 dicembre – destinata ad avere ampi effetti concreti nel diritto privato e nei rapporti condominiali in particolare – le Sezioni Unite (cassazione-civile-ssuu-2020-28972) spazzano via la costruzione giuridica del c.d. “diritto di uso esclusivo” a favore di taluni comunisti/condomini a scapito degli altri. Per l’esattezza – con argomentazioni in alcuni…
Leggi tutto

Azione surrogatoria: sul concetto di trascuratezza e sull’ammissibilità dell’impugnazione in vece del debitore inerte

Ordinanza interessante questa della Sesta Sezione della Cassazione (cassazione-civile-VI-26049-2020), che offre l’occasione di un approfondimento sull’azione surrogatoria. In particolare, la Corte, accogliendo due motivi del ricorso, in primo luogo definisce con esattezza il concetto di “trascuratezza” nell’esercizio dei diritti da parte del debitore a cui l’art. 2900 c.c. fa conseguire il potere del creditore di…
Leggi tutto

Nulla e non inesistente la notifica dell’impugnazione al difensore già revocato. Nulla la C.T.U. se non coinvolte le parti.

Interessante sotto un duplice aspetto questa sentenza della Terza Sezione della Cassazione (cassazione-civile-III-26304-2020) emessa ieri. In primo luogo, conferma – secondo un orientamento consolidato – che la notifica dell’impugnazione a precedente revocato difensore della controparte non è inesistente, ma affetta da nullità sanabile (con la costituzione del convenuto o con la rinnovazione da ordinarsi). D’altro…
Leggi tutto

La Cassazione ribadisce la validità del preliminare di preliminare

Con questa pronuncia del 28 ottobre (cassazione-civile-II-23736-2020), la Suprema Corte torna sul tema del doppio preliminare nello sviluppo di una progressiva formazione del vincolo contrattuale. Viene così ribadito l’orientamento assunto dal 2015 con precedente arresto delle Sezioni Unite: il c.d. “preliminare di preliminare” è pienamente valido, in quanto espressione di interessi privati meritevoli di tutela,…
Leggi tutto

Resta fallibile la società trasformata in comunione di azienda

La trasformazione di una società (con conseguente cancellazione dal Registro delle Imprese, ove il soggetto trasformato non sia più impresa, come nel caso di comunione d’azienda) non è istituto idoneo a purgare l’insolvenza dell’ente originario. Dunque, la società cessata (trasformata in altro, nella fattispecie comunione priva di autonomia giuridica e implicante la piena responsabilità patrimoniale…
Leggi tutto

Mediazione: finalmente la Cassazione stabilisce che l’onere di introdurla grava sull’ingiungente

In precedente articolo del 19 giugno scorso (Mediazione obbligatoria. L’amministratore del condominio deve munirsi di apposita autorizzazione assembleare. Ma perché non ingiungere_ – Studio Legale Delfini – https://www.delfinilex.it/mediazione-obbligatoria-lamministratore-del-condominio-deve-munirsi-di-apposita-autorizzazione-assembleare-ma-perche-non-ingiungere/) già rammentavamo come si attendesse un pronunciamento definitivo della Suprema Corte sulla questione: nell’opposizione a decreto ingiuntivo a quale parte spetta introdurre la mediazione obbligatoria? Bene, con…
Leggi tutto